Laura Di Manno, Vestiti (from Haruki Murakami)